Smetti di temere il giudizio degli altri e diventa la persona che vuoi essere

Pensaci bene: le scelte che fai ogni giorno sono limitate da qualcosa o da qualcuno? Che importanza dai al giudizio degli altri prima di prendere una decisione importante? Se tendi a preoccuparti molto di quello che le persone intorno a te potrebbero pensare, allora dovresti davvero leggere questo post.

Ci sono passato anch’io: gli esseri umani sono programmati per vivere in mezzo agli altri ed è normale che tu voglia sentirti amato e apprezzato. È il nostro naturale desiderio di approvazione, che però spesso e volentieri ci limita nelle scelte di vita che vorremmo fare.

Attenzione, non sto dicendo che devi smettere di preoccuparti dei tuoi cari e di tenere conto dei loro desideri, anzi. In questo post voglio proprio raccontarti come, con tanto coraggio, sono arrivato a ottenere il meglio per me e per la mia famiglia.

È vero, Andrea! Molte volte mi piacerebbe cambiare qualcosa nella mia vita, ma poi non lo faccio perché ho paura di deludere le aspettative degli altri. Faccio male?

In linea di massima sì, ti risponderei che stai facendo male, anche se molto dipende dalle circostanze. È giusto che ti preoccupi della tua famiglia, dei tuoi amici più cari e delle conseguenze che le tue decisioni potrebbero avere su di loro.

Se ci pensi però, ti accorgerai che molti dei cambiamenti che vorresti introdurre nella tua vita non arrecherebbero nessun danno alle persone che hai vicino: la tua paura è semplicemente legata a quello che loro potrebbero pensare di te.

Molto spesso, le decisioni che vorremmo prendere non hanno alcuna conseguenza negativa sugli altri. L’unica cosa che temiamo è il loro giudizio.

E questo è sbagliato. Se vuoi essere davvero te stesso e realizzarti come persona, la prima cosa importante è imparare a farti scivolare addosso il giudizio degli altri. E sai perché? Perché ti limita, crea delle barriere immaginarie che in realtà non esistono. E le conseguenze non sono da poco, perché in questo modo rinunci a vivere la vita che vorresti.

Sì, Andrea, capisco quello che mi stai dicendo. Però non so se me la sento di mettermi contro tutto e tutti.

E infatti non è questo che devi fare, anzi: passare buona parte del tuo tempo a giustificare le tue scelte e a discutere non farebbe altro che toglierti energie preziose che dovresti usare per realizzare i tuoi progetti.

In fondo, non è così difficile: devi soltanto riflettere su ciò che vuoi, sul perché lo vuoi e parlarne serenamente con i tuoi cari. Se sei un padre o una madre di famiglia è ovvio che le tue decisioni dovranno tenere conto anche dei tuoi figli e di tua moglie o di tuo marito. E proprio per questo, esporgli il tuo nuovo progetto di vita non deve diventare un motivo di scontro, ma un’occasione per coinvolgerli e cambiare insieme per il meglio.

Questo però, bada bene, vale solo per le persone che ti sono più vicine, non per tutta la tua cerchia di parenti, amici e conoscenti.

Mi stai dicendo che dovrei preoccuparmi solo dei miei famigliari più stretti? Ho tanti amici e parenti con cui sono in buoni rapporti e non voglio che cambino idea su di me.

Ok, lascia che ti racconti una parte importante della mia storia. Se almeno un po’ mi conosci, già lo sai: non mi sono sempre occupato di acquistare e rivendere case. La mia carriera inizia da giovanissimo, come cameriere. I miei genitori erano e sono tutt’oggi proprietari di un ristorante e, quando ero ancora ragazzo, la cosa più logica mi era sembrata quella di seguire le loro orme. Con il tempo però, mi sono reso conto che non era quello che volevo davvero.

Non ero fatto per quella vita, volevo essere più libero, soprattutto volevo crearmi qualcosa di mio.

Prima che nascesse nostra figlia, insieme a mia moglie Lucia ci siamo detti che era arrivato il momento di provare davvero a cambiare le cose. La nostra priorità era quella di avere più tempo per noi e per la nostra famiglia, di cercare un modo per trasformare il lavoro in una fonte di soddisfazione e felicità. Non è stato facile, e prima di riuscirci abbiamo dovuto fare diversi tentativi. Ma finalmente, a distanza di tanti anni, posso dire di aver raggiunto i miei obiettivi più ambiziosi, forse anche di averli superati.

Perché ti sto raccontando tutto questo? Semplicemente perché nella vita ho scelto di inseguire i miei obiettivi e le mie passioni, nonostante il mio cammino fosse in un certo senso già scritto. In fondo, era più che comprensibile che i miei genitori si aspettassero che prendessi le redini dell’attività di famiglia: l’avevano messa in piedi con tanti sacrifici e sembrava giusto così. Io però alla fine ho scelto un’altra strada.

Sono stato egoista? Ho perso la stima dei miei genitori? Assolutamente no!

Ho semplicemente deciso di realizzarmi come persona e di mettercela tutta per riuscirci.

E ti dirò anche un’altra cosa: oggi con i miei genitori ho un ottimo rapporto. Grazie alle decisioni che ho avuto il coraggio di prendere, sono una persona serena, equilibrata e appagata e questo non può che influenzare positivamente le mie relazioni con la famiglia, gli amici e tutte le altre persone con cui mi trovo ad avere a che fare.

Raggiungere i propri obiettivi e tagliare il traguardo

Grazie, Andrea. La tua storia è davvero interessante. Però tu ce l’hai fatta, hai raggiunto dei traguardi importanti. Non è magari questo il motivo per cui riesci a essere così sereno? E se io non dovessi raggiungere gli stessi risultati?

Non è di questo che ti devi preoccupare.

Il successo è relativo e a me piace pensare che corrisponda al grado di felicità di una persona.

E ognuno è felice a modo suo. Se deciderai di seguire la tua strada, non è detto che diventerai milionario e non è detto che sarai sempre soddisfatto al cento per cento di come ti stanno andando le cose. Però avrai la certezza di essere una persona autentica, libera dalle costrizioni che la paura del giudizio degli altri a volte ci impone.

E poi, ti dirò una cosa: non sempre gli altri si aspettano chissà che cosa. Spesso e volentieri siamo noi a caricarci di aspettative che in realtà non esistono o che, se effettivamente ci sono, sono molto meno pressanti di quanto pensiamo.

In fin dei conti, il segreto per instaurare delle buone relazioni con gli altri è tutto qui:

essere una persona serena, soddisfatta di sé e che sa andare per la propria strada.

Stai pensando di dare una svolta alla tua vita e sei alla ricerca di una nuova opportunità? Sono ormai tredici anni che guadagno con le case e posso dirti che da quando ho cominciato tutto è cambiato, e solo in meglio!

Ma la parte davvero interessante sai qual è? Che, ormai da diversi anni, organizzo dei seminari in cui spiego come intraprendere lo stesso percorso che ho fatto io.

Se ti interessa il settore immobiliare e vorresti imparare a guadagnare con le case anche se magari adesso non disponi di un grande capitale, visita il sito www.guadagnareconlecase.it e scopri tutto sui miei prossimi corsi!

Mi raccomando, ti aspetto!

Andrea

Post scritto da: Gilardoni Andrea Maurizio

Genitore, Formatore ed Imprenditore della nuova era